sabato 2 aprile 2022

La guerra escatologica secondo l’Apocalisse - Prima Parte (1/2)

 La guerra escatologica secondo l’Apocalisse

Prima Parte (1/2)

Che cosa è propriamente la guerra 

Perchè ci sia la guerra non occorre il fragore delle armi, ma basta la lotta interiore tra la carne lo spirito, basta la lite fra marito e moglie, basta l’asprezza della lotta politica, basta l’annoso confitto nella Chiesa fra modernisti e passatisti. La guerra è l’espressione esterna di un conflitto che nasce nel mondo del pensiero, nel mondo delle idee. La guerra è certo una calamità, ma non una semplice calamità naturale; essa invece è una calamità che è effetto della volontà umana.

Questo vuol dire che a differenza delle sciagure naturali, come terremoti, alluvioni, siccità, gravi epidemie l’uomo è tuttora impotente a neutralizzarne gli effetti perché non sa agire sulle cause. Invece, le guerre, in linea di principio, sono mali evitabili ed allontanabili perché sono provocate dall’uomo: quella stessa volontà malvagia che provoca la guerra, se orientata al bene, può evitarla o spegnerla una volta scoppiata. Le guerre hanno sempre per causa delle idee sbagliate e si spengono correggendole. Per questo, quando scoppia una guerra, non basta deplorarne i danni e inveire contro i guerrafondai.  Non basta neppure chiedere a Dio che la faccia cessare, ma occorre restare lucidi, non farsi prendere dallo sdegno o dal panico o dalla rassegnazione, e indagare attentamente sulle cause o le ragioni della guerra. 

Continua a leggere:

https://padrecavalcoli.blogspot.com/p/la-guerra-escatologica-secondo.html

Picasso - La cappella della guerra e della pace
A differenza delle sciagure naturali, come terremoti, alluvioni, siccità, gravi epidemie l’uomo è tuttora impotente a neutralizzarne gli effetti perché non sa agire sulle cause.

Invece, le guerre, in linea di principio, sono mali evitabili ed allontanabili perché sono provocate dall’uomo: quella stessa volontà malvagia che provoca la guerra, se orientata al bene, può evitarla o spegnerla una volta scoppiata. Le guerre hanno sempre per causa delle idee sbagliate e si spengono correggendole.

In essa opera la ragione umana, per quanto distorta e la volontà, per quanto crudele e assassina. Dunque è in potere dell’uomo trovare le vie della pace con quella stessa ragione e volontà rettificate.

Non è detto che la guerra, intesa nel senso di lotta o di combattimento, sia sempre da escludersi, perché esiste per la Bibbia una guerra al peccato, al vizio, alla carne, al mondo e a Satana, che sono salutari. E la pace dipende dalla vittoria in questa guerra. C’è una guerra per la conquista della pace ed è la condizione per ottenere la pace. In tal modo tutta la storia sacra è concepita come un conflitto fra gli amici e i nemici di Dio. 

Presentemente è assai difficile distinguere gli uni dagli altri. Ma per tutto il corso della storia avviene un processo di decantazione, per il quale chi è per Cristo e chi è per Satana appare sempre più chiaramente, fino alla battaglia finale, conclusiva, che segnerà la fine del mondo e il ritorno di Cristo.

Immagini da internet

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non consoni al blog, saranno rimossi.