giovedì 25 novembre 2021

Papa Francesco tesse le lodi di Papa Benedetto

Papa Francesco tesse le lodi di Papa Benedetto

Cose mai viste

La Chiesa sta vivendo un periodo di novità inaudite: mai come oggi la Chiesa sta parlando a tutto il mondo ed è conosciuta in tutto il mondo; ma nel contempo mai la Chiesa è stata tanto minacciata dal potere delle tenebre, tanto che alcuni parlano dell’apostasia finale, dei segni della fine del mondo, dell’avvento dell’anticristo e dei castighi finali; mai è successo nella Chiesa che si avessero due Papi simultaneamente, senza che per questo venga meno, in Papa Francesco, l’unicità della guida pastorale della Chiesa; mai si era avuto un Papa come Francesco, che sorprendesse ad un tempo sia per i problemi che crea a molti nell’interpretazione della verità di fede, sia per certi suoi atti di magistero o di governo di portata storica mai realizzati dai suoi predecessori, come la condanna dello gnosticismo, il cambiamento di alcune parole del Padre Nostro, il magistero demonologico, l’utilizzazione cristiana della triade illuministica liberté-égalité-fraternité, la predicazione dell’ecologia integrale, le lodi di Lutero giovane monaco, l’accordo con l’Islam e con la Cina Comunista, la pastorale degli omosessuali e dei migranti. 

Continua a leggere:

https://padrecavalcoli.blogspot.com/p/papa-francesco-tesse-le-lodi-di-papa.html

Nel quadro di fatti nuovi di portata storica si inserisce il notevolissimo discorso che Papa Francesco ha fatto il 13 novembre scorso in Vaticano in occasione del conferimento del «premio Ratzinger». 

In questo discorso Papa Francesco ha avuto parole di lode, stima ed ammirazione per l’opera di Papa Ratzinger e in particolare per il suo servizio come Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e come Pontefice.

Le parole del Santo Padre cadono estremamente opportune per far tacere una insistente lamentela che da anni ed oggi come non mai sentiamo in certi ambienti della Chiesa, secondo i quali Papa Francesco nutrirebbe una certa disistima per la teologia e per le questioni dottrinali, nonché per il pontificato di Benedetto XVI.

 

Dice Francesco: «Non dimentichiamo che Benedetto XVI ha continuato a studiare e scrivere fino alla fine del suo pontificato. Circa dieci anni fa, mentre adempiva le sue responsabilità di governo, era impegnato a completare la sua trilogia su Gesù e così lasciarci una testimonianza personale unica della sua costante ricerca del volto del Signore. È la ricerca più importante di tutte, che egli poi ha continuato a portare avanti nella preghiera.

Immagini da internet:

https://www.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2021/november/documents/20211113-premio-ratzinger.html

https://www.vatican.va/content/francesco/it/events/event.dir.html/content/vaticanevents/it/2021/11/13/premio-ratzinger.html

http://www.fondazioneratzinger.va/content/fondazioneratzinger/it/joseph-ratzinger/gesu-di-nazareth.html

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non consoni al blog, saranno rimossi.